mercoledì 1 gennaio 2014

Odi a lu Primu Jornu di l'Annu



di Pablo Neruda (riduzione e traduzione in lingua siciliana di Fonso Genchi)

Lu distinguemu di l'àutri
comu si fussi un cavadduzzu
diversu di tutti li cavaddi.
Ci addubbamu la frunti
cu un lazzu,
ci mittemu 'n capu a lu coddu ciancianeddi culurati,
e a menzannotti
lu ricivemu
comu si fussi
un esploraturi chi scinni di na stidda.
Comu lu pani assimigghia
a lu pani d'ajeri,
comu 'n aneddu a tutti l'aneddi...
La terra accogghi stu jornu
d'oru, grigiu, azzolu,
lu sparma nta li collini
lu vagna cu filecci
di trasparenti acqua di celu
e poi l'ammogghia
nta l'umbra.
Eppuru
porta nica di la spiranza,
novu jornu di l’annu,
si puru tu si uguali a l'àutri
comu li pani
a ogni àutru pani,
ni preparamu pi vivìriti di na manera diversa,
ni preparamu a manciari, a ciuriri,
a sperari.

8 commenti:

  1. maria bellanti1 gennaio 2014 08:59

    Questo tipo di traduzione del grande Neruda rende fruibile a tutti i siciliani la lettura che ne possono apprezzare la bellezza. Buon anno!

    RispondiElimina
  2. Ma allora ti posso proporre un mio vecchio progetto di traduzione in siciliano. Io pensavo ad una commedia di Plauto. Che ne dici?

    RispondiElimina
  3. complimenti fonso, ottimo lavoro :-)

    RispondiElimina
  4. Traduzione magnifica, pulita, come amo fare anch'io in un siciliano sfoglio di inutili pesi e segni.
    Mi congratulo con te caro Fonso.
    Mi piace questo primo dell'anno 2017 che viene a noi alla luce di una bella traduzione in lingua siciliana.

    RispondiElimina

Questo blog consente a chiunque di lasciare commenti. Si invitano però gli autori a lasciare commenti firmati.
Grazie