mercoledì 31 luglio 2013

frasi pensate o sentite per strada

by guido monte
(disegno di nicola spacca)

nella mia vita sono riuscito solo a leggere qualche libro, e basta

preoccupandoci di cose che svaniranno presto, non di ciò che conta

copiare e ricopiare vecchie cose, riscriverle in modo nuovo…

pensare alle cose da fare nella giornata, non oltre

i gesti consueti devono esser continuamente dotati di nuovi sensi

camillo s. vede se stesso nel deserto senza illusioni, “con occhi asciutti

guardiamo tutto, dice paolo, come in uno specchio

3 commenti:

  1. pippo zimmardi4 agosto 2013 08:49

    preoccupandomi di essere alla mano
    scombussolando ordini e le cose
    copio l’eccesso e incollo sottomano
    la luna in secchio non oltre S. Camillo

    crocifero d’eccesso ma al dunque sottomano
    scompaginando mappe, scombussolando tratte
    corteggiando la notte al moderato lampo
    umide o asciutte blatte e memorie rinnegando

    deserti, lune e sempre S. Camillo
    pozzi secchi caverne per il gioco
    e l’ordine del giorno insoddisfatto

    pozze da stelle in stalle e desideri
    letti e riletti fondi d’uccelli e caffeina
    d’esserci so ai blandi sensi d’agosto
    G.Z.

    RispondiElimina
    Risposte



    1. « Quid interest qua quisque prudentia verum requirat? Uno itinere non potest perveniri ad tam grande secretum »
      (Simmaco, Relatio III, 10)

      Elimina
    2. giuseppe zimmardi10 agosto 2013 16:11

      Stromboli/Strombolicchio


      L’ultima verità è il tappo di lava che ci guarda e non ci vede
      incredulo come l’inconquistabile carota

      che continua nell’indifferenza della gallina che becca tra gli sterpi, del calabrone che si intana tra le canne, dei momenti…

      invisibili dei vicini

      o culi come ciottoli di Brancusi in inesauribile attesa

      nel sogno i bagnanti andavano ad insabbiarsi da soli
      e dritti sotto i morti

      nell’opulenza bronzina
      le sette bocche di fuoco
      lo sbadiglio dell’onda

      una serpe tra i gerani odorosi verso i limoni
      si inceppa e i pesci a tavola
      due gatti in scatola
      da Ginostra a Torino
      ma ce la fa signorina?
      se un lapillo la prende nell’occhio
      noi qui e lei sopra
      in diretta il vulcano
      all’ossidiana e in tv come
      plancton luminoso nell’acqua
      e il vento, l’invisibile Morgana
      webcam
      G.Z.

      Elimina

Questo blog consente a chiunque di lasciare commenti. Si invitano però gli autori a lasciare commenti firmati.
Grazie